Libri

Una testimonianza / popolo armeno

Stasera inizierò a leggere questo libro: Haigaz chiamava: “Mikael… Mikael…” (ed. LibriLiberi). E’ la testimonianza di un ragazzino che nel 1915, all’età di 14 anni, venne strappato dalla sua vita di adolescente e catapultato nell’orrore della deportazione di massa del suo popolo: gli armeni.
1915-2015, sono passati 100 anni, ma il genocidio del popolo armeno rimane ancora oggi un capitolo inquietante e attuale che non ha ancora ricevuto un riconoscimento ufficiale. In primis dalla Turchia. Quella Turchia che -fatto di ieri- nega la sua responsabilità nella strage della manifestazione pacifista. Quella Turchia che, sempre più ambigua, mi fa paura e si sta trasformando da partner dell’Europa e dell’Occidente a mina impazzita del Medio Oriente. Difficile fare previsioni su quello che succederà. Più facile prendere consapevolezza su quello che è stato. Iniziando da questa privata e intima memoria.
“E’ una goccia di dolore, una testimonianza vera di quanto accaduto”, spiega Alessandro Litta Modignani, traduttore e curatore del libro, nonché nipote dello stesso protagonista. Grazie Alessandro. Grazie Michel Mikaelian.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s